Meta da visitare dopo la pandemia
in ,

Una meta da visitare assolutamente dopo la pandemia

Programmare oggi il viaggio di domani.

La pandemia ci ha fatto riscoprire la voglia di immaginare e sognare. Abbiamo aperto le mente e cercato degli spazi in cui viaggiare metaforicamente, aspettando con ansia il momento in cui si potrà scegliere una meta da visitare dopo la pandemia.

Anche i rapporti di coppia hanno risentito dei vari lockdown, in cui ogni giornata sembrava uguale e le nostre case sono diventate prigioni dorate da cui evadere. Tra lo smartworking e una routine soffocante c’è bisogno di ritagliarsi un nuovo spazio per stare con il partner e vivere la vita di coppia con spensieratezza e amore.

Con l’allentamento delle misure restrittive abbiamo ricominciato a programmare viaggi, sperando di poterli fare presto e in compagnia della nostra dolce metà. Viaggiare sarebbe un’ottima cura per combattere la tristezza che abbiamo vissuto nell’ultimo anno. Proprio per questo motivo, i governi di molti paesi hanno varato numerose iniziative incentrate sul turismo per far ripartire le economie locali.

Con l’arrivo dei vaccini si è accesa una speranza e i viaggiatori hanno iniziato a disegnare nuovi itinerari, soprattutto in posti non colpiti duramente dal virus. Viaggiare in sicurezza è diventato il mantra di ogni globe-trotter, e la meta da visitare dopo la pandemia il nirvana.

Alla scoperta delle Isole Cook

Rarotonga_meta-da-visitare-dopo-la-pandemia-scaledLe Isole Cook sono la perfetta meta da visitare dopo la pandemia. Grazie al tempestivo intervento del governo cookese, l’arcipelago non ha riscontrato casi di Covid-19. Le isole che appartengono a questa meravigliosa regione della Polinesia, situata nel Sud dell’Oceano Pacifico, sono 15 e sono tutte dei paradisi terrestri.

Quando si arriva nell’isola di Rarotonga si viene accolti con un caloroso benvenuto dagli abitanti del posto che regalano delle collane di fiori ai turisti. Aitutaki è un’altra isola incontaminata, costituita da piccoli atolli popolati da mangrovie e granchi di sabbia.

Le Isole Cook sono il luogo giusto per rilassarsi con il proprio partner e godersi un panorama mozzafiato. In questo paradiso terrestre si possono fare numerose attività: trekking, diving, escursioni in bici, pesca d’altura, gite in quad e anche trattamenti di bellezza nelle Spa.

Si possono fare delle incredibili esperienze culinarie di coppia, magari in una romantica capanna lungo le rive della laguna, assaporando i piatti della tradizione creola come il mahi mahi, che è una specialità a base di pesce tipica del luogo.

Le coppie che amano ballare possono cimentarsi nel Tamurè, una danza originaria del Pacifico e particolarmente ritmata.

Per visitare le Isole Cook e godersi i meravigliosi panorami si consiglia di andare tra aprile e ottobre.

Hoi An: la città delle lanterne

Hoi-An_meta-da-visistare-dopo-la-pandemia

La città vietnamita di Hoi An è una delle mete da visitare dopo la pandemia. Si trova nella provincia di Quang Nam, ed è diventata patrimonio dell’UNESCO nel 1999.

La meravigliosa città vietnamita è chiamata anche città delle lanterne, perché ogni angolo è disseminato da queste lampade. Quando cala il sole, le piccole luci colorano le strette vie del centro, creando uno spettacolo meraviglioso che immerge le coppie in un’atmosfera romantica.

Anche il cuore di questa città è poetico grazie alle numerose influenze cinesi, giapponesi, francesi, olandesi e portoghesi che si fondono con le architetture vietnamite color pastello. I balconi adornati di fiori colorano le vie del centro, chiuso al traffico per preservarne la bellezza.

Oltre allo spettacolo delle lanterne e al centro città, a Hoi An si possono visitare: il ponte coperto giapponese, che nel 1700 divideva la parte cinese da quella giapponese della città, e il tempio dedicato a Quan Cong, un generale cinese conosciuto per la sua bontà d’animo.

Anche in questa meravigliosa meta da visitare dopo la pandemia è possibile fare un’esperienza culinaria di coppia, in cui assaporare i piatti tipici della cultura gastronomica vietnamita.

Si consiglia di visitare la città della seta, altro nome con cui viene chiamata Hoi An per via della sua antica tradizione sartoriale, da fine gennaio a fine agosto in modo da godere del tempo caldo e secco.

Fuga romantica a Vilnius

Vilnius è la capitale della Lituana e il suo centro in stile barocco è una delle mete da visitare dopo la pandemia.

La città lituana ha lanciato un’interessa iniziativa: Your love story a Vilnius, un modo romantico per fare turismo in coppia con il proprio partner. Il progetto consiste in una mappa in cui sono elencate e descritte le principali attrattive, in modo da creare un percorso romantico per scoprire la città.

La prima tappa prevede un giro in mongolfiera per godersi un punto panoramico inusuale sulla capitale lituana. Oppure si può salire sul tetto della chiesa di San Giorgio e ammirare i tetti rossi della città vecchia. Se siete amanti dei belvedere potete recarvi al Subačiaus Viewpoint, da cui potrete guardare tutta la città mentre bevete un caffè.

Per chi preferisce stare con i piedi per terra si consiglia di visitare il Bernardine Garden, in cui c’è la quercia più alta della Lituania. Oppure il Parco Regionale di Pavilniai in cui ci si può immergere nella natura. Le coppie che amano le atmosfere senza tempo, invece, possono visitare il Parco Belmontas in cui vedere il vecchio mulino e le cascate.

Un’altra tappa da fare a Vilnius, meta da visitare dopo la pandemia, riguarda la parte artistica del progetto Open Gallery nel quartiere post-industriale di Naujamiestis. In questa zona si possono ammirare murales sulle pareti di fabbriche abbandonate, sculture e altre rappresentazioni artistiche prodotte per riqualificare il territorio.

Vilnius è anche rinomata per la cucina. Se volete fare un’esperienza di coppia culinaria potrete andare al cinema Kino Deli in cui, oltre a vedere un film, potrete assaporare 14 cucine globali.

Le coppie che amano ballare possono andare al Love bar, un locale in cui oltre a scatenarsi a ritmo di musica si possono bere ottimi cocktail che rispecchiano i gusti dei prodotti locali.

Dopo aver girato per tutto il giorno la capitale lituana occorre rilassarsi. Vilnius offre una serie di trattamenti nelle Spa fatti con il miele e l’ambra, chiamata anche oro baltico.

A Vilnius ogni coppia potrà ritrovare l’amore tra le vie del centro barocco.

Perché ricominciare a viaggiare dopo la pandemia

La pandemia ha messo a dura prova i rapporti umani. Alcune coppie hanno vissuto una relazione a distanza nonostante abitassero nella stessa regione. In questi mesi stiamo assistendo a un leggero miglioramento che ci fa sperare di riprendere a vivere le nostre vite il più in fretta possibile.

Ogni meta da visitare dopo la pandemia è una luce in fondo al tunnel, che ci permette di smettere di fantasticare solo con la mente, e ci sprona a programmare il prossimo viaggio in coppia con il nostro partner. Un modo per ritrovare la passione e la voglia di stare insieme in un ambiente diverso, più stimolante e più romantico. Quest’anno per San Valentino, potreste iniziare a programmare il vostro viaggio romantico.

 

 


Tagcloud:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

coppia alle terme a san Valentino brindisi

San Valentino alle terme, che dici?

crociera san valentino

San Valentino: ci regaliamo una crociera?