in

In viaggio da Otranto al Lago di Bauxite

Otranto è una città tra le più interessanti in Italia

L’itinerario che porta da Otranto ed il Lago di Bauxite porta alla scoperta di un territorio ricco di affascinanti leggende, moltissime opere d’arte ed una costa davvero molto bella. In questa guida di viaggio andremo a visitare queste terre affascinanti. Otranto, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, si caratterizza per essere un borgo ricco di molte caratteristiche peculiari davvero difficili da trovare in un qualsiasi altro posto nel mondo. Ciò è possibile perché la sua storia dalla caduta dell’Impero Romano in poi ha lasciato nella città delle tracce indelebili che possono essere viste facilmente dai visitatori. Questa città potrebbe essere un’ottima meta da visitare sia d’estate sia d’inverno.

Otranto è la città dalle spesse mura e dalla storia millennaria

La città di Otranto si divide nella parte moderna e quella antica ancora protetta da possenti bastioni con le stradine del borgo ed il castello. Vediamo quindi quali sono i più importanti luoghi d’interesse di questa città più importanti. Queste sono le architetture religiose:

  • Chiesa di San Paolo: è una chiesa bizantina costruita tra il nono ed il decimo secolo. Con la tipica pianta a croce greca con una serie di interessanti affreschi;
  • Cattedrale dell’Annunziata: questa chiesa fu eretta intorno al 1088 sui resti di un antico villaggio messapico durante la dominazione normanna. Importante opera architettonica, è stata rimaneggiata dai saccheggi e gli eccidi portati avanti dai turchi alla fine del quindicesimo secolo, conserva l’importante mosaico creato da Pantaleone che rappresenta l’Albero della Vita. Questa opera d’arte è una tra i più importanti opera d’arte musiva medievale;
  • Monastero di San Nicola di Casole: anche in questo caso l’architettura fu distrutta dalle devastazioni turche. Questo monastero creato da Beomondo I di Antiochia conservava la Biblioteca per grande d’Europa.

Architetture militari:

  • Mura alfonsine: ricostruite da Alfonso d’Aragona, colui che liberò la città dai sanguinari invasori turchi, il complesso murario fu creato originariamente dai romani quindi i bizantini e dai normanni con Roberto il Guiscardo. Questa città fu da sempre molto apprezzata perché considerata come la porta d’Oriente;
  • Castello Aragonese: questo edificio ha una pianta pentangolare anche se, a causa di continue ricorstruzioni, tende ad assumere una forma irregolare. Nel corso degli anni fu inserito il torrione mentre nel sedicesimo secolo fu inserito un bastione.

Il lago di bauxite è una meta poco conosciuta ma molto bella da visitare

lago di bauxite

Non solo un bellissimo lago ma anche un vero e proprio esempio di archeologia industriale visto che si trova nella sede di un antica miniera di bauxite, minerale dal quale si estrae l’alluminio, attiva dal 1940 fino al 1976. Uno tra gli aspetti che riescono a colpire il visitatore è la presenza di moltissimi colori tutti decisamente forti in contrasto tra loro. Questo laghetto, nel corso degli anni, ha creato un vero e proprio ecosistema lacustre. Non è possibile fare il bagno in questo lago ma solo ammirarlo dall’alto. Molto spesso gli amanti della fotografia si recano in questo luogo per effettuare i loro scatti.

Cusiosità intorno ad Otranto

Questa è la città più ad est d’Italia e Punta Palascia è il punto geografico più ad est d’Italia inoltre il Castello di Otranto è l’omonimo romanzo di Horace Walpol del 1764 è il primo romanzo gotico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Citera e le cascate di Mylopotamos

selciato del gigante

Il selciato del gigante: una meta eccezionale